Home > Incontri > Caldarola…dove il tempo sembra essersi fermato

Caldarola…dove il tempo sembra essersi fermato

frazione di Vestignano - il Castello

Lo scorso 4 novembre il progetto Memorieincammino.it si è spinto fin nell’entroterra della provincia di Macerata. La nostra redazione, insieme alla troupe di Cassa Padana, ha trascorso una giornata a Caldarola, paese di poco meno di 2.000 abitanti, in prossimità del Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

Grazie ad una guida d’eccezione, l’Assessore Comunale Giorgio Roselli, abbiamo camminato sui passi dei partigiani locali, seguendo quello che oggi è il percorso dell’annuale Marcia della Memoria che coinvolge alcuni dei comuni della zona.

Siamo partiti dalla piccola frazione di Vestignano, che con il suo castello risultava essere un luogo strategico per controllare tutta la valle.

Proprio nel Castello di Vestignano trovarono la loro sede i primi partigiani di Caldarola, dando vita al Gruppo di Azione Garibaldina.

La telecamera riprende gli scorci più belli della vallata maceratese, le stradine vuote di questo borgo che sembra sospeso nel tempo e, mentre il nostro cicerone continua a raccontarci gli episodi legati ad ogni singola pietra che incontriamo, un arzillo vecchietto spunta da una casa, incuriosito da “questi visitatori sconosciuti”.

È praticamente impossibile per noi non approfittare della situazione…e allora eccoci a improvvisare un intervista, anzi, a riprendere un racconto intenso, un fiume di ricordi dei giorni della guerra e della liberazione.

Ma il nostro itinerario non è ancora finito! Proseguiamo per Montalto, frazione del confinante comune di Cessapalombo, luogo di un eccidio compiuto da tedeschi e fascisti il 22 marzo 1944 a danno di 26 giovani partigiani, i cui nomi sono incisi su un cippo lungo la strada.

Nel pomeriggio, infine, siamo accolti nella casa di Fedro Buscalferri, partigiano ed ex sindaco di Caldarola, figlio di quell’Aldo Buscalferri che fu uno dei primi organizzatori delle bande partigiane della montagna.

L’attività del padre, la sua uccisione, la difficoltà di recuperare il corpo per fare il funerale sono i ricordi che Fedro ci dona insieme alle vicende della sua famiglia e della sua attività di partigiano a Caldarola e al seguito dell’esercito alleato.

Un’altra giornata proficua per Memorieincammino.it, dunque! Altro materiale prezioso per arricchire il nostro portale web!

Annunci
Categorie:Incontri
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: